Messaggio ai CVS in occasione del 70° del CVS

 

Cari fratelli e sorelle dei Centri Volontari della Sofferenza,

la ricorrenza del 70° di fondazione ci trova uniti nella gratitudine e nella consapevolezza di aver ricevuto un Dono dello Spirito Santo per rendere la Chiesa e il mondo uno spazio accogliente dove anche le persone più fragili abbiano il loro posto e la loro missione.

Siamo grati al beato Luigi Novarese e a Sorelle Elvira Myriam perché hanno accolto per primi questo dono, lo hanno vissuto personalmente e lo hanno condiviso con noi in questa lunga storia associativa.

Mentre ricordiamo con gratitudine il passato, desideriamo anche sporgerci verso il futuro con impegno e speranza. Sappiamo di non essere padroni della storia e che il nostro potere su di essa è profondamente limitato. Tuttavia, nella fede, sappiamo anche che il Signore della storia affida agli uomini i destini di salvezza e che ci coinvolge nel suo prendersi cura dell’umanità. Con le nostre scelte di impegno missionario, deciso e generoso, possiamo davvero contribuire a rendere la storia umana una storia di fraternità e solidarietà.

Prendiamo, dunque, decisamente slancio verso ciò che ci sta davanti, esercitandoci tenacemente nell’arte della profezia della debolezza: capacità di parlare della sofferenza come una scelta per amare di più; capacità di aiutare ogni persona sofferente a fare della sua vita una missione.

“A vent’anni dall’inizio del nostro apostolato, scriveva il Fondatore nel 1965, è facile intravedere il disegno del Signore. Se noi però restiamo semplici spettatori, evidentemente il richiamo della Madonna, purtroppo, rimane privo di efficacia. Per queste ragioni, assieme a Sorella Myriam, mi rivolgo a ciascuno di voi, invitandovi a ringraziare il Signore e a vedere quanto possiamo fare con maggiore dedizione, da oggi in poi, per dare una risposta più fattiva e più concreta alla Madonna. I nostri tempi ci impongono consapevolezza, maturità personale e posizioni precise”. (L’Ancora, maggio 1967, pag. 2-5).

Con l’augurio di crescere nella consapevolezza, nella maturità personale e nell’impegno apostolico, vi saluto affettuosamente da questa terra che si affaccia sul Pacifico, così ricca di povertà e di umanità, che rappresenta per tutti noi un volto inedito e giovane del nostro apostolato; uno stimolo ad esplorare dovunque le vie della missione che si aprono nelle periferie.

Buenaventura, martedì 16 maggio 2017

Angela Petitti

Pubblicato il 17 maggio 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

 
5xmille