L’idroterapia intitolata a don Remigio

 

«Siamo qui oggi per vivere il cammino di miglioramento al servizio dei sofferenti che questa comunità sta portando avanti nel solco tracciato dal beato Novarese», così l’arcivescovo di Vercelli, mons. Marco Arnolfo, ha introdotto la celebrazione eucaristica, concelebrata tra gli altri da don Gino Momo, don Bruno Capuano e don Janusz Malski, avvenuta sabato 7 ottobre al Santuario della Beata Vergine del Trompone di Moncrivello (VC) in occasione dell’inaugurazione del nuovo servizio di Idroterapia intitolato alla memoria di don Remigio Fusi.

«L’Idroterapia è una straordinaria opportunità – ha spiegato il dottor Caludio Solaro, primario della Casa di cura “Mons. Luigi Novarese” – perché, sfruttando l’acqua come prezioso elemento riabilitativo, dà la possibilità a determinati pazienti a compiere dei gesti che altrimenti non potrebbero fare».
A tagliare il nastro, dopo la benedizione dei locali da parte del vescovo Arnolfo, è stata sorella Lully Nisco accompagnata da don Janusz Malski che ha ricordato l’importanza del pensiero del nostro padre fondatore, ponendo l’attenzione in modo particolare sulla cura della persona intesa come unione di corpo e spirito.
Durante la giornata è stata anche inaugurata una stanza per la neuroriabilitazione intitolata a Teresa Cerutti Novarese, nipote di Monsignore, alla presenza dei figli.

Pubblicato il 10 ottobre 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

 
5xmille