Banner dialoghi
Congiuditta

Donne che ci liberano
(mercoledì 03.06.2020)

bambmor2

C’è un bimbo che muore
(mercoledì 27.05.2020)

Rebecca2

Rebecca e Rachele, le donne del pozzo
(mercoledì 20.05.2020)

7 Commenti

  1. di raccolta commenti 05/27/2020  20:10 Rispondi

    Michele: la morte sicuramente colpisce tutti, direttamente o indirettamente, ma quando si tratta di un bambino colpisce di più, proprio per la sua innocenza, libertà di pensiero e di fare, a maggior ragione quando senti e vedi la morte di questi piccoli dalle parti dell'Africa dove, come ci raccontavano, morto uno se ne fa' un’altro. Una povertà non solo di fatto ma una povertà anche di pensiero umano verso un'altra vita perché quella certo è una una vita.

    Maria Stella: Penso al dolore che provano le sorelle quando muoiono questi bambini che non sono riuscite a salvare. Per fortuna che c'è la fede, altrimenti si impazzirebbe. Voglia il Signore dare sia a loro che a tutte le mamme la forza e la fede per andare avanti.

  2. di raccolta commenti 05/25/2020  7:54 Rispondi

    Rita: A me la morte ha fatto sempre paura, anche se credo tanto nelle parole di Gesù quando ha detto vado a preparate un posto anche per voi. Mia nonna diceva però che: “di là non è tornato mai nessuno”.

  3. di raccolta commenti 05/25/2020  7:53 Rispondi

    Silvia (Nardò): È un argomento spinoso, che nessuno ama affrontare finché gli è possibile.
    Trovatemi una sola persona che ama farlo a cuore leggero.
    Dal sonno, sappiamo che ci risveglieremo, ma dalla morte no. Credo che ognuno preferisca non pensare perché sarà un salto nel vuoto senza paracadute.
    Un dolore immenso, un vuoto enorme, lascia una persona cara, che torna alla casa del Padre.
    C'è anche paura dell'ignoto, non sappiamo cosa ci sarà… dall’altra parte.
    E soprattutto, non rivedremo mai più questa realtà che conosciamo e le persone a noi care e familiari.
    Sfido io, che non si ha voglia di affrontare l’argomento. Crediamo nella misericordia ma rimane la paura del giudizio. Rimane la paura dell’incontro.

    • di luciano 05/25/2020  11:59 Rispondi

      Effettivamente certi insegnamenti della Chiesa non ci hanno reso un buon servizio, minacciando inferni e separando la vita presente dalla futura.
      Certo rivedremo la realtà, la verità, in modo più chiaro e profondo. O meglio, non smetteremo mai di vedere la vita negli infiniti "volti" di cui l'Amore di Dio è garante.
      Sarebbe comunque un torto a Dio, lasciarci condurre dalla paura. Se ci avesse voluto spaventare, un Dio onnipotente di potere, avrebbe fatto sfracelli.
      Se Dio ci ha amato fino alla fine, dando la vita per noi, certamente non era la paura ciò che intendava suscitare in noi.

  4. di raccolta commenti 05/25/2020  7:52 Rispondi

    Silvia: Quest'anno sono 10 anni dalla morte di mio marito. Posso dire che tante sono le mie domande alle quali so che non posso avere risposta se non alla fine della mia vita terrena.
    Mi capita di ascoltare persone che dicono: la morte non mi fa paura ma la sofferenza si!.
    Altre ( anche non credenti) con coraggio superano grandi sofferenze attaccate con forza alla vita.
    Per mio conto penso alle parole della Madonna a Bernadette: "Non ti farò felice in questo mondo ma nell'altro". Ma Bernadette, non ha avuto una vita infelice o sbaglio??
    Oggi prima domenica in cui molti fedeli hanno ricevuto l’Eucaristia, dopo tanto tempo. Gesù dice: "Ecco hai desiderato tanto l'incontro con me! Ora ti chiamo a vivere questo tempo con amore, non ti abbandono, ti indico la strada che ti porta al Padre mio”.

    • di luciano 05/25/2020  11:35 Rispondi

      Possiamo pensare che la vita stessa, la nostra che continua insieme a quella di chi ci ha lacsiato, abbia delle risposte. Secondo il Vangelo siamo già partecipi della vita eterna e quindi possiamo non solo pensare ma sperimentare una comunione più forte della morte.
      Bernadette ha avuto certo i suoi problemi e ha sofferto gelosie e stupidità, ma certo ha saputo vivere una quotidianità partecipe di quell'infinito che, un giorno, scorse presso la Grotta di Massabielle.

  5. di raccolta commenti 05/23/2020  16:07 Rispondi

    Teresa: Dal dolore nasce la vita. Senza la morte non c’è resurrezione... non c’è resurrezione senza sofferenza...
    E’ bello scoprire nuovi significati dalla lettura di alcuni brani del Vangelo e della Bibbia, in questo caso. Da un forte dolore nasce la vita! “Figlio della mia doglia” Beniamino, è il nome che Rachele da al suo bambino. Rachele muore dando alla luce il suo bimbo... da un forte dolore nasce la vita eterna di Rachele, la resurrezione di Rachele! Ecco che, un lutto vissuto alla luce del Vangelo, diventa una gioia.
    Allora cos’è che non torna?! Abbiamo paura della morte?!
    Perché una persona deve soffrire tanto prima del passaggio? Forse perché non c’è preparazione alla vita eterna?! Allora, noi cristiani, dovremmo parlare un po’ di più di questa vita dopo la morte fisica ... parlare di più della stessa morte!
    Quindi, essere risorti significa morire? La vita terrena una sofferenza continua ?! Si, è un morire dentro continuo, ogni volta che ci allontaniamo dalla preghiera, ci lasciamo prendere dalle varie tentazioni: orgoglio, superbia, gelosia, invidia ecc. (i sette vizi capitali). Tutte le volte che facciamo prevalere l’io al posto di Dio!!! Sono, tutte, piccole morti quotidiane che dobbiamo iniziare a chiamarle per nome, prendere coscienza e, un passettino alla volta, far crescere la nostra fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille