Al Trompone per il nuovo anno universitario

 

«Cari studenti, oggi è la festa di San Luca. Egli fu anche un medico che curava gli ammalati, e allora ecco che questo giorno, in cui inauguriamo il nuovo anno accademico del corso universitario di Terapia occupazionale, può diventare un punto di partenza importante per il cammino che state per iniziare».

Con queste parole l’arcivescovo di Vercelli, Marco Arnolfo, ha rivolto il saluto ai futuri terapisti occupazionali nella messa celebrata mercoledì 18 ottobre al Santuario del Trompone.
Nel sottolineare l’impegno dei Silenziosi Operai della Croce a favore degli infermi, monsignor Arnolfo ha ricordato l’insegnamento del loro fondatore, il beato Luigi Novarese.
Terminata la messa, gli studenti si sono riuniti nell’Aula magna dove la direttrice del Corso, Renata Spalek, ha dato la parola al professor Francesco Landi, presidente del Corso di Laurea, che ha ripercorso la storia di questa professione che, avendo come obiettivo la riabilitazione dei pazienti, li aiuta a reinserirsi nelle normali occupazioni dell’esistenza quotidiana migliorandone la qualità della vita.
Il moderatore generale dei Silenziosi Operai della Croce, don Janusz Malski ha spiegato che questo era anche lo scopo del beato Novarese. «Settant’anni fa egli lanciò la parola d’ordine della promozione integrale del malato, rendendolo consapevole dei suoi diritti e ponendo la sua figura al centro dell’assistenza medica».

Pubblicato il 19 ottobre 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
5xmille