Il premio Novarese a mons. Filippo Santoro

 

Il Centro Volontari della Sofferenza di Taranto, in occasione del centenario della nascita del Fondatore, il Beato Luigi Novarese, ha indetto il premio “Beato Luigi Novarese“, che sarà  conferito a Sua Eccellenza Reverendissima mons. Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto, martedì 10 giugno 2014, alle ore 19.30 nel Palazzo Arcivescovile di Taranto.

Alla cerimonia di conferimento del premio interverranno il prof. Alessandro Meluzzi, psichiatra e psicoterapeuta, don Armando Aufiero, presidente della confederazione internazionale CVS e don Cristian Catacchio, assistente diocesano CVS.

Mons. Luigi Novarese è stato un grande apostolo dei malati. Il suo più grande merito è stato quello di aver provocato, nella società  del secolo scorso, un cambiamento di mentalità  nei confronti dei malati e degli infermi: da oggetto di rassegnazione e pietismo a soggetto attivo nell’apostolato del Vangelo della sofferenza.

“Con questo carisma – ha detto papa Francesco - voi siete un dono per la Chiesa. Le vostre sofferenze, come le piaghe di Gesù, da una parte sono scandalo per la fede, ma dall’altra sono verifica della fede, segno che Dio è Amore, è fedele, è misericordioso, è consolatore. Uniti a Cristo risorto voi siete «soggetti attivi dell’opera di salvezza ed evangelizzazione». Vi incoraggio ad essere vicini ai sofferenti delle vostre parrocchie, come testimoni della Risurrezione. Così voi arricchite la Chiesa e collaborate con la missione dei pastori, pregando e offrendo le vostre sofferenze anche per loro. Vi ringrazio tanto di questo!”.

La designazione all’Arcivescovo è legata alla testimonianza di azione pastorale vissuta in linea con il carisma del Beato, alla valorizzazione della persona sofferente nella dimensione umana, sociale e cristiana e alla grande vicinanza dimostrata, in occasione della beatificazione di mons. Novarese.

Pubblicato il 27 maggio 2014

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille