“L’amore che salva…”

 

Dal 22 al 24 maggio un importante convegno internazionale a Torino

Numerosi iscritti al CVS di Torino parteciperanno, insieme ad alcuni Silenziosi Operai della Croce, al Convegno internazionale dal titolo “L’Amore che salva – dal Volto del Sofferente ai volti della sofferenza”. L’evento, organizzato dall’Ufficio di Pastorale della Salute della diocesi di Torino, promosso dal Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari e dall’Ufficio nazionale per la Pastorale della Salute, si terrà a Torino il 22, 23 e 24 maggio, durante il periodo dell’Ostensione della Sindone.
“Il convegno – sottolinea don Marco Brunetti, direttore dell’Ufficio Pastorale della Salute – vuole fornire spunti di riflessione e sensibilizzare sul mistero della sofferenza e del dolore, ponendo il tema in relazione con il Volto della Sindone”.
L’iniziativa vede la collaborazione del Centro Camilliano di Pastorale della Salute di Torino, della Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo e dell’Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio Fatebenefratelli.
I lavori si terranno dal pomeriggio di venerdì 22 maggio alla mattina di domenica 24 maggio presso il Centro Congressi Santo Volto (via Nole ang. via Borgaro) e si concluderanno con la Venerazione della Sindone in Duomo.
Tra i relatori interverranno l’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia, mons. Zygmunt Zimowski, presidente del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari (per la Pastorale della Salute), mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, il cardinal Stanislaw Dziwisz, Arcivescovo di Cracovia, Joaquìn Navarro-Valls, già direttore della Sala stampa vaticana, Enzo Bianchi, Priore della Comunità monastica di Bose e don Luigi Ciotti, fondatore di Libera e del Gruppo Abele.
Al termine del convegno verranno rilasciati i crediti Ecm per tutte le professioni sanitarie.

Pubblicato il 20 maggio 2015

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille