Giubileo dell’ammalato

 

Sono arrivati da diverse diocesi italiane e polacche gli aderenti al Centro Volontari della Sofferenza che hanno partecipato a Roma, dal 10 al 12 giugno, al Giubileo degli ammalati …

Sono arrivati da diverse diocesi italiane e polacche gli aderenti al Centro Volontari della Sofferenza che hanno partecipato a Roma, dal 10 al 12 giugno, al Giubileo degli ammalati e delle persone disabili, voluto da Papa Francesco in occasione dell’Anno Santo della Misericordia.
Tre giorni intensi tra catechesi, momenti di preghiera, visite alle basiliche e ai santuari, tra cui quello di Santa Maria del Suffragio dove riposano le spoglie mortali del nostro Padre fondatore, beato Luigi Novarese, inserito fra i luoghi di culto dell’Anno Santo da tenere in particolare considerazione. Tanti appuntamenti che hanno unito la riflessione all’intrattenimento, la liturgia alla tutela della salute, per un’iniziativa – secondo le parole di mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione che organizza l’evento – che ha voluto portare in primo piano la condizione degli ammalati e delle persone con disabilità davanti a un’opinione pubblica spesso ingiustamente latitante su queste tematiche.
Dopo una serie di catechesi ospitate in alcune chiese del centro storico di Roma, offerte in diverse lingue e adattate alle necessità delle persone sorde, non vedenti e con disabilità intellettiva, nel pomeriggio di sabato 11 giugno, nei Giardini di Castel Sant’Angelo, un momento di festa ha visto protagonista il coro “Amoris Laetitia” composto da iscritti al Centro Volontari della Sofferenza provenienti soprattutto dal Piemonte e coordinati da Letizia Ferraris del CVS di Vercelli.
Davanti a tremila persone, i nostri cvuessini hanno cantato alcuni brani del CVS oltre all’inno del Giubileo della Misericordia “Misericordes sicut Pater”. Domenica, il coro ha anche animato momenti della messa in Piazza San Pietro insieme a Papa Francesco che alla fine ha anche salutato alcuni nostri iscritti.

Per chi fosse interessato, sarà dato ampio spazio a queste giornate sui prossimi numeri delle nostre riviste, l’Ancora e l’Ancora nell’Unità di Salute

Pubblicato il 13 giugno 2016

 

1 Commento

  1. di Maurizio di Iulio 06/15/2016  9:52 Rispondi

    Grazie, Amici, della bella presentazione sul Giubileo del Malato: il grande tema del bellissimo Apostolato del CVS va approfondito e fatto conoscere a tutti anche usando dei moderni mezzi della tecnologia!
    Un fraterno saluto,
    Maurizio di Iulio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille