Prosegue la Staffetta della Speranza

 

Dopo un anno di Staffetta in Piemonte, la Teca arriva ad Aosta

A un anno di distanza dall’inizio della “Staffetta della speranza”, prosegue il viaggio delle stampelle in Piemonte. Il 24 settembre 2017, è stata una giornata indimenticabile per i CVS diocesani del Piemonte e della Val d’Aosta. Con il pellegrinaggio regionale ad Alba, si è dato inizio al nuovo anno Pastorale ed è partita la Staffetta della Speranza, eventi celebrativi che hanno dato la possibilità di incontrarsi, di vivere e condividere momenti di fraternità e di gioia.
La Teca con le Stampelle del Beato Luigi Novarese, nostro Fondatore, in questi mesi con l’aiuto e il servizio svolto da tante persone ha portato amore e speranza a tanti sofferenti.
La Staffetta continua, nonostante sia trascorso un anno dal suo inizio. In questi primi giorni di ottobre la Teca è stata portata nella casa di riposo “La Quercia”di Borgo d’Ale (Vc), dove gli ospiti, nonostante le disabilità, hanno potuto vivere un momento particolare pregare il Beato.
Domenica 7ottobre, sempre a Borgo d’Ale, si è festeggiato Nostra Signora del Rosario, nella parrocchia San Michele Arcangelo, grande festa per questo paese, in tanti si sono prestati a dare una mano. Che meraviglia entrando in chiesa essere accolti dallo splendore artistico e monumentale e vedere la Teca con le stampelle, posta vicino alla statua di San Michele Arcangelo: sembrava quasi che la proteggesse.
La celebrazione Eucaristica, molto partecipata, è stata animata dal grande coro Amoris Laetitia con la collaborazione del coro San Luigi Orione che per questa occasione ha imparato i nostri canti.
Ogni volta che in qualche funzione ci permettono di eseguire i nostri canti: Fammi Credere, Salve Regina Sorella, Consacrazione, nati dalle preghiere del Beato, per noi tutti è una gioia.
Al termine della Santa Messa i fratelli effettivi Lucia e Giorgio hanno preso in consegna la Teca che ha ripreso il suo viaggio verso Aosta, dove era attesa dal CVS locale con un programma molto fitto.
Dopo il pranzo preparato dagli alpini e da alcuni volontari, ci siamo ritrovati nella casa di riposo “La Quercia”, per continuare la festa con la “Squadra dell’Immacolata” e con il coro Amoris Laetitia, che ha cantato con tanto amore consapevole che stavano trasmettendo agli ospiti e a tutti i partecipanti un qualcosa che non si può neppure definire, tanto era l’entusiasmo che si leggeva nei volti di ciascuno.
Domenica 14 ottobre, invitati dal CVS di Aosta, ci siamo uniti ai vari gruppi nella Cattedrale di Santa Maria Assunta e di San Giovanni Battista per la celebrazione della Santa Messa, è stata molto calorosa l’accoglienza da parte di chi ormai ci conosce da tanto tempo.
La Teca era stata posta a lato dell’altare poi durante l’offertorio è stato portato un grande pannello con la figura del nostro Fondatore. Durante la comunione uniti al coro abbiamo cantato Fammi Credere.
Al termine della Santa Messa il celebrante don Isidoro Mercuri Giovinazzo, responsabile della Pastorale della Salute e sostenitore del CVS, si è inginocchiato davanti la Teca, anche gli altri sacerdoti concelebranti si sono avvicinati e pregato.
Mercoledì 17 ottobre, su richiesta del Parroco la Teca è stata portata nel Santuario parrocchia Maria Immacolata Regina della Val d’Aosta, per la Santa Messa delle ore 18.
Tanti erano i partecipanti del CVS locale che hanno proprio desiderato questo momento di condivisione e preghiera per ritrovare l’entusiasmo e il desiderio di camminare tutti insieme facendo Apostolato e diffondendone il suo Carisma.
I prossimi due finesettimana, il 20, 21 e il 27 e 28 ottobre le stampelle saranno ospitate nel Santuario di Santa Teresa di Calcutta di Moncalvo (AT) dove il 26 ottobre il biografo di Monsignore, Mauro Anselmo, terrà un incontro sulla figura e l’insegnamento del beato Luigi Novarese.

Giovannina Vescio (delegata CVS Piemonte)

Pubblicato il 18 ottobre 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille