La Staffetta della speranza

 

La Teca con le stampelle del Beato Luigi Novarese ad Aosta dal 7 al 17 ottobre

Non sempre sono sufficienti le parole per toccare i cuori e far emergere dall’intimo emozioni profonde e tangibili: ci vogliono dei segni, dei segni evidenti… visibili.
Le stampelle del Beato Luigi Novarese, sono uno di questi segni che fanno scaturire dal profondo emozioni e palpabili ricordi. Questo emblema di dolore e di risurrezione è stato al centro di momenti di preghiera in varie chiese della nostra diocesi. Aiutati dalla presenza di questa reliquia abbiamo meditato sul valore della sofferenza accettata ed offerta, abbiamo sentito che il dolore, come l’amore, esisterà fino a che ci sarà vita, l’amore però resterà eternamente, mentre il dolore avrà fine quando cesserà la sua funzione redentiva.
Quante altre personali considerazioni ed emozioni abbiano suscitato “le stampelle della speranza” del Beato Luigi Novarese non saranno espresse ma resteranno nel cuore di chi ha avuto l’opportunità di sostare in preghiera e meditazione davanti ad esse. Emozionanti e pieni di ricordi gli incontri con gli ammalati nelle loro case da dove il dolore offerto e la preghiera costante salgono verso il cielo attraverso le mani di Maria Immacolata come il Beato Luigi ci ha insegnato.
Questi diversi incontri disseminati nella nostra Valle, hanno avuto il loro apice con la Santa Messa solenne celebrata in Cattedrale alla presenza dei gruppi del CVS presenti in diocesi e presieduta da Don Isidoro (responsabile della pastorale sanitaria) e concelebrata dal parroco Don Fabio (vicario generale in rappresentanza del nostro Vescovo Franco.
Durante la vivace celebrazione animata dalle musiche e dai canti del “settore bambini”, è stato ancora ampiamente sottolineato il carisma del Centro Volontari della Sofferenza e del grande dono fattoci dal Signore nella figura del Beato Luigi Novarese che, fidandosi di Lui durante la sua vita ha scritto un nuovo capitolo nella pastorale della salute: “rendere i malati protagonisti di un nuovo apostolato come evangelizzatori del mondo, testimoni di Cristo Risorto e soggetti attivi nella vita della Chiesa sostenendola per intercessione di Maria con l’offerta della propria sofferenza e la preghiera costante e fiduciosa.”

Giorgio e Lucia
(CVS – Aosta)

Pubblicato il 22 ottobre 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille