La santità è il volto più bello della Chiesa!

 

Si intitolava così il Convegno formativo a cura della Lega Sacerdotale Mariana che si è svolto a Roma dal 23-25 gennaio, presso l’Hotel Casa Tra Noi.
L’obiettivo: riflettere sulla santità non in teoria ma nelle diverse esperienze spirituali che hanno fondato la proposta apostolica-spirituale del beato Luigi Novarese.

Padre Jacquineau Azetsop, gesuita, ha presentato i punti fondamentali della spiritualità di Sant’Ignazio: la cura della vita spirituale intesa come processo di verifica e di crescita continua, e gli Esercizi spirituali come occasione privilegiata per progettare la propria vita nella santità. Le parole di Padre Jacquineau hanno accresciuto la consapevolezza del CVS verso l’importanza e la bellezza degli Esercizi spirituali che il beato ha proposto in termini non solo personali ma anche come cammino comunitario, una sfida a crescere insieme nella santità.
Da padre Angelo Epis, monfortano, i convegnisti hanno appreso l’importanza di una pedagogia della santità che Maria accompagna come Madre ed educatrice: vivendo con lei i misteri di Cristo, contemplati quotidianamente nella preghiera del santo rosario, e soprattutto affidandosi a lei come figli, si può maturare una spiritualità solida, profonda e radicata nel tempo.
La dottoressa Stefania Tassotti, Docente di teologia e Coordinatrice del Corso di Counseling Spirituale al Teresianum, ha parlato della santità come un cammino che si declina nella gioia. Questa che è stata in santa Teresa una delle sue caratteristiche più evidenti, insieme alla proposta di un cammino di preghiera serio, ha anche accompagnato nel tempo il beato Luigi Novarese, portandolo ad accostarsi ai sofferenti conciliando sapientemente umorismo e profondità.
Alla tavola rotonda, “Ogni santo è una missione!” hanno preso parte alcuni Silenziosi Operai della Croce. Il loro intento è stato presentare l’esperienza spirituale dei santi Michele Arcangelo, san Giuseppe, san Bernardo, santa Bernadette e i piccoli santi Francesco e Giacinta Marto. Questi santi sono stati indicati dal Fondatore come Patroni dell’Associazione. Dall’approfondimento della loro vita e incontro con Dio siamo aiutati a vivere e ad agire non solo santamente ma anche in una direzione carismatica precisa.
La sintesi spirituale del beato Novarese è stata presentata alla fine del convegno dal Moderatore generale, don Janusz Malski, e dalla Responsabile dell’apostolato, Angela Petitti.
La presenza del vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia, mons. Sergio Melillo, ha offerto ai convegnisti una guida piena di umana simpatia e di profondità teologica.
Si possono richiedere/prenotare gli atti del convegno che saranno pronti per il mese di marzo e pubblicati sul n.2 dell’Ancora nell’Unità di Salute, scrivendo all’indirizzo segreteria@luiginovarese.org.

Pubblicato il 29 gennaio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille