Il sofferente nella Chiesa locale ed universale

 

L’intera Chiesa trae origine dal Calvario ossia dall’attuazione e missione di Nostro Signore Gesù Cristo; questa missione però completa nel Divin Fondatore, proprio in forza della identificazione di se stesso con i redenti, presenta a questi visualità, possibilità ed impegni completamente nuovi che dicono, assieme al dovere di partecipazione alla vita divina, anche presa di coscienza degli obiettivi stessi di salvezza che devono continuarsi e completarsi con la loro precisa cooperazione.
Ogni fedele è chiamato a potenziare il Calvario del Cristo. Sarebbe una disuguaglianza umiliante e desolante se gli ammalati soltanto fossero i fortunati chiamati a portare la Croce con Cristo.
La chiamata, infatti, a portare la Croce con Cristo, è una chiamata essenzialmente universale, proprio perché tutti devono avere in sé la gioia e l’onore di poter contribuire al pagamento dell’umano riscatto, portando con Cristo, alla Sua sequela, la propria Croce.

Tutti, sani e sofferenti, siamo chiamati ad essere sostegno della propria Chiesa, della propria Parrocchia attraverso quanto è patrimonio di sofferenza fisica o morale.
La sofferenza, infatti, è il mezzo liberamente scelto dal divin Redentore per la riconciliazione tra Dio e l’umanità; la sofferenza, trasfigurata dalla grazia divina, continua in Cristo la sua potenzialità di riconciliazione e di propiziazione: capitale soprannaturale, da cui tutto e tutti traggono incremento e sostegno.
Proprio in questa visione di potenzialità va considerata l’offerta che l’ammalato fa del proprio dolore e l’apostolato che egli può attorno e sé svolgere: bilanciare i tanti peccati che si commettono per richiamare l’umanità intera a vivere il mistero pasquale dal Cristo inaugurato, attraverso la propria passione, morte e risurrezione.

(Beato Luigi Novarese, Sviluppo integrale della persona dell’ammalato, 1974)

Pubblicato il 8 luglio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille