Chiamati al servizio degli uomini sofferenti

 

Si è svolta a Nazareth la XXIV Giornata mondiale del malato che, quest’anno, aveva come tema la frase evangelica della Vergine Santa detta durante le nozze di Cana: “Fate tutto quello che vi dirà” (Gv 2,5).

Il punto centrale della Giornata è stato vissuto nella Basilica dell’Annunciazione e la Comunità dei Silenziosi Operai della Croce di Gerusalemme, insieme a tanti ammalati del luogo – italiani spagnoli e polacchi – hanno partecipato alla celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo mons Zygmunt Zimowski, inviato speciale del Santo Padre e numerosi concelebranti.
Durante l’omelia, l’arcivescovo – Presidente del Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute – ha detto che: “Come Cristo anche noi siamo costantemente chiamati al servizio degli uomini sofferenti, anche se ciascuno in modo diverso. Dobbiamo essere veri servitori di coloro che soffrono in diversi modi, anche a causa di violenza, persecuzione, esilio, discriminazione…L’uomo soffre in diversi luoghi e chiama un altro uomo. Ha bisogno della sua presenza. A volte ci intimidisce il fatto di non poter aiutare in modo soddisfacente, ma l’importante è andare. Stare accanto all’uomo che soffre”.
Alla fine della celebrazione, il legato papale ha annunciato che la prossima Giornata Mondiale del Malato – fra tre anni – sarà celebrata in India e precisamente a Calcutta.

Mara, Annarosa, Doa’, Rosalena e Jean Marie

Pubblicato il 17 febbraio 2016

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille