Cei: nasce il Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità

 

Finora era un settore dell’Ufficio catechistico nazionale; ora – per assicurare un contributo più unitario, trasversale e continuativo – il Consiglio episcopale permanente l’ha costituito come Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità. Lo si apprende dal comunicato finale del Consiglio episcopale permanente (Roma, 1-3 aprile). L’intento è quello di offrire alla Cei, alle diocesi, agli Istituti di Vita consacrata, alle Società di Vita apostolica, ad associazioni e movimenti un supporto per l’inclusione nella vita ecclesiale delle persone con disabilità – intese come soggetti a pieno titolo della pastorale – e dei loro familiari. Il Servizio diverrà pienamente operativo dopo la definizione del Regolamento.

Pubblicato il 5 aprile 2019

 

1 Commento

  1. di Alfonso Boccia 04/09/2019  21:54 Rispondi

    Integrazione e non servizio a parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille