Festa patronale del santuario della B.V. del Trompone

 

“In questa giornata di festa lasciamoci guardare dalla Beata Vergine come si è lasciata guardare la Millianotta”, ha esordito con questa parole domenica scorsa 28 aprile l’arcivescovo di Vercelli, Marco Arnolfo durante la messa presso il Santuario del Trompone di Moncrivello in occasione della Festa patronale. La manifestazione, organizzata dai Silenziosi Operai della Croce, ogni anno celebra l’apparizione della Madonna, avvenuta la prima domenica dopo Pasqua del 1562, a una donna ricurva e ammalata proveniente da Cigliano, Domenica Millianotto, guarita miracolosamente dalla Beata Vergine. Tanti gli ammalati presenti alla funzione religiosa e durante gli appuntamenti che si sono susseguiti dal 25 al 29 aprile scorso presso il Santuario.

“Ognuno di noi può riconoscersi in san Tommaso – ha detto il presule vercellese durante il commento al Vangelo –, chi infatti non ha mai avuto tentennamenti? Ma poi, abbandonandoci a Lui, nella fede in Gesù, capiamo che Cristo è vivo, è al nostro fianco sempre, in ogni istante”. Arnolfo ha poi proseguito l’omelia soffermandosi sui due simboli pasquali: la Croce e il Cero pasquale. “Che la Madonna ci aiuti – ha esortato il vescovo – a non soffermarci su ciò che è facile e subito disponibile. Non accontentiamoci di qualcosa di vicino, ma coltiviamo il desiderio di Dio, il desiderio di eternità così da incontrare Cristo risorto, che è amore incarnato”.
Terminata la messa celebrata da monsignor Arnolfo insieme a una quindicina tra sacerdoti e diaconi tra cui don Luigino Garosio e don Giovan Giuseppe Torre, rettore del Santuario, e animata dalla corale di Tonengo, Mazzè, Villareggia e Barengo, c’è stato il concerto del coro “Primaria in campo”, dell’Istituto comprensivo don E. Ferraris di Cigliano guidato dalla maestra Angela Fiorano.
L’ultima giornata di festeggiamenti si è infine tenuta lunedì 29 con la messa dedicata gli ex alunni del seminario minore di Vercelli che oggi accoglie l’RSA “Virgo Potens”.

Pubblicato il 6 maggio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille