Continua il pellegrinaggio in Terra Santa

 

Dal 15 al 22 maggio, nella terra di Gesù.

Prima di giungere a Gerusalemme, l’impatto forte con il deserto. Inaspettata la consapevolezza della nudità del posto, dove l’unica voce è quella del vento. Facciamo memoria dell’esperienza di Gesù che vi ha soggiornato per combattere contro Satana e ricordiamo le voci dei profeti, il cammino nudo dell’esodo.
Accanto al fiume Giordano ricordiamo l’esperienza del battesimo di Giovanni e consideriamo il ruolo di questo fiume nella Scrittura. Visitiamo gli scavi di Qumran e guardiamo il Mar Morto, accompagnati dallo stupore per questi luoghi lontani nel tempo e presenti a noi oggi.
Prima di entrare nella città santa, seguendo lo stesso percorso che faceva Gesù, sostiamo alla chiesa di Betania, luogo di amicizia di Gesù con Lazzaro, Marta e Maria. Decidiamo che anche noi possiamo essere più ospitali, più generosi e attenti nell’accoglienza, sviluppando maggiore capacità di ascolto.
E finalmente siamo nella città santa. Ne percorriamo le mura, ne seguiamo il suo sviluppo dall’antico nucleo davidico a come è diventata nel passaggio dei secoli. Entriamo dalla porta del letame, o dei Magrebini, attraversiamo la valle delle Geenna, prendiamo consapevolezza delle contraddizioni che ospita, passando dal quartiere ebraico, a quello musulmano, tra sinagoghe e moschee.
Piano piano entriamo nell’esperienza cristiana della città: ripercorriamo la via crucis, il luogo della flagellazione di Gesù, e arriviamo alla Basilica della Anastasis, luogo di morte del Figlio di Dio e della sua resurrezione. consideriamo il suo amore incondizionato e, ritornando in albergo attraverso la Porta delle Pecore, accogliamo la sua guida nella nostra vita: lui, Buon Pastore, mai lascerà che ci smarriamo.
I piccolissimi granelli di senape che don Marco ci mostra nella mano ci ricordano che abbiamo anche solo una fede piccola, Dio ne farà qualcosa di grande.

Pubblicato il 21 maggio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille