Solennità del Corpus Domini con papa Francesco

 

Domenica prossima, 14 giugno, papa Francesco presiederà la Messa in occasione della Solennità del Corpus Domini presso l’Altare della Cattedra nella Basilica Vaticana. Circa 50 i fedeli presenti alla celebrazione, che inizierà alle 9.45 e si concluderà con l’esposizione del Santissimo e la benedizione eucaristica, così come è avvenuto nelle Messe a Santa Marta trasmesse in diretta streaming dal 9 marzo al 17 maggio, nel periodo in cui in Italia e in altri Paesi non erano possibili le celebrazioni col popolo a causa della pandemia.

Le origini della Solennità del Corpus Domini risalgono al XIII secolo. Nel 1215, di fronte a quanti asserivano la presenza simbolica e non reale di Cristo nell’Eucaristia, il Concilio Lateranense IV afferma la verità della Transustanziazione, che il Concilio di Trento nel 1551 ribadirà in modo definitivo: con la consacrazione del pane e del vino si opera la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo di Cristo e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. In Belgio, in seguito alle esperienze mistiche di Santa Giuliana di Cornillon, viene istituita nel 1247 una festa locale a Liegi. Dopo qualche anno, nel 1263, un sacerdote boemo giunto a Bolsena è afflitto dal dubbio circa la presenza reale di Gesù mentre celebra la Messa: durante la consacrazione, dall’Ostia spezzata escono alcune gocce di sangue. Dopo questo evento, Papa Urbano IV decide nel 1264 di estendere a tutta la Chiesa la Solennità del Corpus Domini.

In merito alla presenza viva di nostro Signore Gesù Cristo nell’eucaristia, così si esprimeva i Beato Luigi Novarese: “Il Cristo va presentato con poche parole ma ben centrate, da cui sia evidente che Egli non è un mito, ma il vero Uomo Dio, di cui la Storia ha lasciato le Sue prove, che si è incarnato, che ci ha parlato e che continua a camminare con noi nella diuturnità della vita, unendoci al Suo Corpo Mistico o venendoci a trovare nella realtà presente e viva dell’Eucaristia”.

Pubblicato il 11 giugno 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 
5xmille