Domani, 27 aprile, la Chiesa di Ariano Irpino fa memoria di Mons. Pasquale Venezia, nel XXX anniversario della sua morte.
Mons. Venezia è morto a Rocca Priora il 27 aprile del 1991, nella Casa dell’Associazione dei Silenziosi Operai della Croce dove è tornato alla Casa del Padre anche il nostro Padre Fondatore, il beato Luigi Novarese il 20 luglio del 1984.
Il legame tra i due è iniziato durante gli studi all’Almo Collegio Capranica di Roma. Nel 1951 don Pasquale Venezia diventa vescovo della diocesi di Ariano Irpino dove svolgerà il suo ministero fino al 1972.
Nel 1957 la Comunità dei Silenziosi Operai della Croce viene accolta nella diocesi di Ariano Irpino aprendo la Casa Madre presso il Santuario Maria “Salus Infirmorum” ed è lì che vengono approvati gli Statuti della Pia Unione Primaria dei Silenziosi Operai della Croce.
Mons. Venezia è stato sempre vicino all’Associazione sostenendo il suo sviluppo e cammino apostolico legato alla sua amicizia con il Beato Novarese.
Come pastore della diocesi di Ariano e di Avellino, mons. Venezia ha vissuto ed accompagnato due eventi piuttosto tragici che hanno coinvolto la popolazione irpina per via di due terremoti, uno nel 1962 ed uno nel 1980.
Domani, 27 aprile, il Vescovo Mons. Sergio Melillo Celebrerà l’Eucarestia in Cattedrale per tenerne vivo il ricordo.

Leggi la Lettera del Vescovo Mons. Melillo